L'aggiornamento

Via libera dalla Regione alla riqualificazione della pineta di Castel del Monte

Il finanziamento di 500mila euro servirà per la realizzazione di un percorso pedonale naturalistico che consentirà di raggiungere l'Infopoint, la risistemazione dei muretti a secco e la predisposizione di aree tematiche

Attualità
Andria giovedì 12 settembre 2019
di la redazione
Il progetto
Il progetto "Attraverso lo Stupor Mundi" © n.c.

La Regione Puglia ha ammesso a finanziamento il progetto di riqualificazione, denominato “Attraverso lo Stupor Mundi", della pineta di Castel del Monte riconoscendo al comune di Andria 500mila euro che ha partecipato all'Avviso Pubblico della regionale per la“Selezione di interventi strategici per la valorizzazione dei beni demaniali” .

Il finanziamento rientra nelle risorse previste dal Patto per la Puglia e dedicate al miglioramento della qualità dell’accoglienza nel settore del turismo.

Il progetto prevede la realizzazione di un percorso pedonale naturalistico che, attraverso la pineta, consentirà di raggiungere l'Infopoint ai piedi del maniero federiciano. Inoltre, sono previste la risistemazione dei muretti a secco, la pavimentazione naturale e la predisposizione di aree tematiche con particolari installazioni artistiche.

A tal proposito il consigliere regionale Sabino Zinni ha commentato: «questi 500 mila euro assegnati dalla Regione Puglia sono un’altra bellissima notizia per la nostra città. Serviranno a sostenere, senza nessun cofinanziamento da parte del Comune, la riqualificazione della pineta attorno al Castel del Monte.

Potranno essere realizzati percorsi pedonali e ciclabili ma anche dedicati all’equitazione. Percorsi che si integreranno con altri già realizzati all’interno del Parco dell’Alta Murgia.

Finalmente un gioiello artistico come il Castel del Monte potrà essere circondato da un’area che gli rende onore. Per un sito Unesco dovrebbe essere la regola, eppure il maniero federiciano - lo ricordo, il museo più visitato in Puglia - ha avuto per anni intorno una pineta in stato di semi-abbandono, teatro dei più disparati gesti d’inciviltà.

Questo finanziamento è segno che quando i diversi livelli istituzionali lavorano svolgendo ognuno la sua parte, senza approssimazioni o veti, le cose si ottengono; è segno dell’attenzione della Regione verso il nostro territorio (finanziate anche Margherita di Savoia e Canosa); è segno che la volontà del settore turistico regionale d’incentivare i visitatori nelle aree interne è un’intenzione reale, non solo ventilata, tanto da investirci risorse cospicue. Speriamo tanto tutto ciò dia presto i suoi frutti».

Lascia il tuo commento
commenti