Dichiarazione del Vescovo di Andria e dei sacerdoti della Città di Andria

Mons. Mansi: «Svastica, segno di degrado a cui il nostro centro storico è soggetto ormai da tempo»

«Il solo pensiero che nella nostra Città ci siano persone che inneggiano a quella ideologia di vita ci riempie di dolore e di preoccupazione»

Attualità
Andria giovedì 23 gennaio 2020
di La Redazione
Il Vescovo, Mons. Mansi
Il Vescovo, Mons. Mansi © n.c.

Mons. Luigi Mansi, Vescovo di Andria alla luce di quanto è avvenuto ieri sera, circa l’episodio che ha sporcato con la riproduzione della svastica il torrione medievale del campanile della Cattedrale di Andria, segno e simbolo da secoli di cristianità e sentinella a difesa di valori civili umani e spirituali di tutti gli andriesi, interviene, unitamente con i sacerdoti della Città di Andria con questa dichiarazione:

«Le persone che hanno sfregiato il campanile della nostra bella Cattedrale, soprattutto se son giovani, non possono nemmeno immaginare quanto dolore uomini che vestivano quel simbolo hanno provocato all’umanità, quanta cattiveria hanno sprigionato, quanto male, quanti lutti hanno provocato. Il gesto è comunque segno di un degrado a cui il nostro centro storico è soggetto ormai da tempo, senza che si riesca in alcun modo a mettere argini.

Il solo pensiero che nella nostra Città ci siano persone che inneggiano a quella ideologia di vita ci riempie di dolore e di preoccupazione. Tutti dovremmo aprire di più gli occhi su quanto sta accadendo in mezzo a noi e correre ai ripari, unendo le forze nel costruire e portare avanti con convinzione itinerari educativi e formativi che aiutino i giovani a pensare al futuro in maniera costruttiva e bella, prima che sia troppo tardi. La storia insegna.

Intanto ci auguriamo che coloro che hanno compiuto questo insano gesto siano presto identificati e ricevano una punizione esemplare».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • E.I. ha scritto il 23 gennaio 2020 alle 15:50 :

    Imbecilli e ignoranti. Chiunque sia stato! Se veramente conoscessero il vero significato.....la smetterebbero. Rispondi a E.I.

  • Franco ha scritto il 23 gennaio 2020 alle 13:33 :

    Ma quali ideologie magari è solo un cretino che si diverte a imbrattare i muri come tanti writers in giro. Stiamo creando un caso e sollevando polveroni senza sapere nulla. L'enfasi non fa mai bene alla soluzione dei problemi. Olio di gomito e cancellare. E meno chiacchiere. Rispondi a Franco

  • Antonio ha scritto il 23 gennaio 2020 alle 12:32 :

    Massimo rispetto e condivisione totale delle Sue parole. Oggi purtroppo c'è bisogno che la chiesa faccia anche propaganda politica contro certa gente che fomenta l'odio. Rispondi a Antonio

    Marco ha scritto il 23 gennaio 2020 alle 12:47 :

    Se la Chiesa si riduce a fare "propaganda politica contro certe persone" siamo messi davvero male. La propaganda è entrata in Chiesa e non sappiamo neppure chi abbia fatto il disegno. Parole nel vuoto, tanto per correre dietro alle mode del momento. Rispondi a Marco

  • Marco ha scritto il 23 gennaio 2020 alle 11:42 :

    Una volta i Vescovi parlavano della fede, oggi parlano di degrado urbano. Rispondi a Marco

    Isabella ha scritto il 23 gennaio 2020 alle 13:29 :

    Che senso ha parlare di fede quando si ha davanti una svastica? Preoccupiamoci di questo piuttosto. Possono anche cancellarla, ma resterà sempre lì se non ci si occupa dell’ideologia che dilaga tra le vie della città. Rispondi a Isabella

    Maria P. ha scritto il 23 gennaio 2020 alle 17:02 :

    Vediamo di non esagerare nel disegnare ritorni di ideologie sepolte, faremmo loro un grosso favore. Rispondi a Maria P.

  • CARBUTTI VINCENZO ha scritto il 23 gennaio 2020 alle 09:32 :

    Ke vergogna!!!!! Possibile che l'ARTISTA IDIOTA non sia stato ripreso da una telecamera di video controllo?? Magari beccandolo, prima di fargli ripulire il muro, gli farei dare una bella botta con la sua testa vuota così magari poi ripulisce il tutto!!!! Rispondi a CARBUTTI VINCENZO

    Maria P. ha scritto il 23 gennaio 2020 alle 11:41 :

    Bravo facciamogli pubblicità con tanto di foto così l'artista si sentirà soddisfatto. Possibile che nessuno, neppure alte autorità ecclesiastiche, capiscano che certe manifestazioni vanno solo silenziatore? A meno che non si voglia fare propaganda pure dall'altra parte. Rispondi a Maria P.

  • Maria P. ha scritto il 23 gennaio 2020 alle 09:25 :

    Invece di fare ideologia sull'episodio e pontificare sulla ideologia che c'è dietro (senza sapere se c'è davvero) avrei semplicemente fatto rimuovere il simbolo, senza fare tanto chiasso e senza fare pubblicità a quei o a quel soggetto. Sappiamo che lo fanno proprio per far parlare di sé. Rispondi a Maria P.

    Andriese 72 ha scritto il 23 gennaio 2020 alle 12:39 :

    Non è così. L'animale (con rispetto per gli animali) va preso, messo a pulire il campanile e per un anno costretto a vedere documentari su quanto di male hanno realizzato nazisti e fascisti in giro per l'Europa Rispondi a Andriese 72

Le più commentate
Le più lette