L'appello

​Zinni: «Si valuti ordinanza per impedire assembramenti di persone ad Andria»

«Non è uno scherzo e non è un film, è un virus che può far male davvero, che ha già messo in ginocchio parti della nostra economia, e rischia di mettere in ginocchio il nostro sistema sanitario»

Attualità
Andria venerdì 06 marzo 2020
di La Redazione
piazza Duomo gremita di givoani
piazza Duomo gremita di givoani © n.c.

Il consigliere regionale Sabino Zinni lancia un appello ai giovani al fine di evitare assembramenti ed invece osservare con serietà le disposizioni istituzionali che ci vengono imposte dal Governo centrale. Zinni chiede inoltre al commissario Tufariello di valutare eventualmente l'emanazione di un'ordinanza commissariale:

«Cari ragazzi vedervi a centinaia ieri sera in piazza Duomo è una di quelle cose che fanno male. Non è San Riccardo e le scuole non hanno chiuso per permettervi inaspettati momenti di svago, ma perché in Italia, non so se vi siete accorti, c’è un’emergenza contagio, e la prima cosa da fare in una situazione del genere, è evitare assembramenti e stare a casa.

Non è uno scherzo e non è un film, è un virus che può far male davvero, che ha già messo in ginocchio parti della nostra economia, e rischia di mettere in ginocchio il nostro sistema sanitario. Va fermato e va fatto seguendo le direttive del Governo. È proprio la somma di piccoli gesti di assunzione di responsabilità da parte di ognuno che può fare la differenza.

Visto che tale senso di responsabilità sembra mancare, e non solo fra i ragazzi, chiedo al Commissario Tufariello di valutare la possibilità di emanare un’ordinanza in ottemperanza a quanto stabilito nel decreto sul Coronavirus. Serve un richiamo al senso del dovere di tutti, e forse un intervento a livello comunale potrebbe aiutare in questo senso».


Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Andriese72 ha scritto il 06 marzo 2020 alle 13:45 :

    Ma quale ordinanza può vietare a persone di stare in posti all'aperto? Se si vuole limitare, devono essere i genitori a limitare le uscite o il buon senso delle persone ad evitare che ci si accalchi in gruppo Rispondi a Andriese72

    Angelo ha scritto il 11 marzo 2020 alle 15:41 :

    Andriesi 72Hai espresso la tua ignoranza! L'ordinanza la devi osservare e non contestare. Piuttosto quando vai dal salumiere o la panettiere, ricordagli che già in tempi normali chi maneggia alimenti, non deve maneggiare soldi! Rispondi a Angelo

  • delc ha scritto il 06 marzo 2020 alle 12:25 :

    COSA ASPETTIAMO? Rispondi a delc

  • Giovanni Alicino ha scritto il 06 marzo 2020 alle 12:21 :

    Ma genitori dove sono? Rispondi a Giovanni Alicino

  • Giovanni Alicino ha scritto il 06 marzo 2020 alle 11:45 :

    perfettamente ragione. Si sono chiuse le scuole x fare in modo di non avere assembramenti una regola importante presa dal Governo e invece i ragazzi che fanno? Il contrario di quello che devono rispettare. Forse non si rendono conto della gravità della situazione. A questo punto e da considerare intervento da parte felle istituzioni locali x un provvedimento in merito. Rispondi a Giovanni Alicino

  • Francesco enne ha scritto il 06 marzo 2020 alle 11:10 :

    Ottima iniziativa domandando alle forze di pubblica sicurezza ed alla polizia locale la sua puntuale osservanza. Comminando eventualmente anche sanzioni smministrative a carico dei con5ravventori Rispondi a Francesco enne

  • Giovanna Melillo ha scritto il 06 marzo 2020 alle 11:07 :

    Sono d'accordo!!!perché un genitore da solo non può obbligare i figli a restare chiusi in casa....ma se magari ci fosse un'ordinanza stabilita dal comune,forse si osserverebbe con dovuta cautela! Rispondi a Giovanna Melillo

    Giovanni Alicino ha scritto il 06 marzo 2020 alle 12:25 :

    Qui non si tratta di imporre i figli a stare in casa, ma rispettare delle regole di non stare e creare affollamenti come in piazza catuma e zone limitrofe. Rispondi a Giovanni Alicino

    Domenico Gentile ha scritto il 06 marzo 2020 alle 11:34 :

    Attenzione! a non confondere un VIRUS con un VIRIONE e sottovalutare le Conseguenze economiche, sociale, sanitarie e redditamentale. Organizziamo centri di aggiornamenti e istruzioni specifici. Rispondi a Domenico Gentile

Le più commentate
Le più lette