Buona festa

Eid Mubarak per la fine del Ramadan

Un momento di festa per i musulmani e le musulmane spesso dimenticato dalle Istituzioni e dalla politica

Attualità
Andria domenica 24 maggio 2020
di Michele Lorusso
Ramadan
Ramadan © n.c.

Il Ramadan rappresenta un momento importante per i musulmani e le musulmane, in quanto rappresenta l’annuncio della Rivelazione dell’angelo Gabriele a Maometto. Un mese di digiuno dai piaceri carnali, perché, con tale pratica, secondo una delle tante teorie avanzate da diversi teologi, la persona impara una maggiore autodisciplina, accresce in sé il senso di appartenenza a una comunità e l’amore per Dio.

Al tramonto del sole, il digiuno è interrotto con un bicchiere di acqua o mangiando un dattero.

Il Ramadan non capita sempre nello stesso periodo dell’anno perché, essendo il calendario islamico composto da 354 o 355 giorni, ogni anno anticipa mediamente di 10 giorni, cadendo anche in stagioni diverse. Però, la durata è sempre la stessa, cioè 29 o 30 giorni.

Quest’anno è iniziato il 23 aprile ed è terminato il 23 maggio, dopo l’avvistamento della luna nuova.

L'Eid Mubarak rappresenta la fine del Ramadan e, letteralmente, significa: buona festa.

Augurio che, oltre dalla comunità musulmana, dovrebbe essere anche rivolto dalle Istituzioni che, nel loro laicità, dovrebbero garantire il dialogo e la pace tra le religioni.

Purtroppo non è così.

Il contesto internazionale non aiuta, dato l’elevato tasso di islamofobia di cui si sono impregnate le società occidentali. Per questo, si tende a dimenticare tali momenti di festa, anche per non inimicarsi i cattolici che continuano a essere la maggioranza nel nostro Paese e continuano a dettar legge su tantissimi argomenti.

Questo accade sia a livello nazionale che a livello locale.

Se l’obiettivo comune è quello di costruire la pace, si cominci nel proprio piccolo a farlo, anche porgendo semplicemente gli auguri in queste ricorrenze. Certo, questo gesto non cambierebbe le cose nel mondo, però sarebbe una piccola goccia nell’oceano che contribuirebbe sicuramente a rendere migliore la nostra comunità.

Non ci vuole molto.

Auguri alle sorelle musulmane e ai fratelli musulmani.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • rriccardo nanni ha scritto il 24 maggio 2020 alle 14:11 :

    Non mi è mai capitato di sentire o vedere che Istituzioni Islamiche si siano fatte in quattro per le feste religiose di Cristiani Rispondi a rriccardo nanni