La conferenza stampa pre-gara

Fidelis, è subito scontro salvezza. Di Maio: «Con la Vibonese ci giochiamo tanto»

Squalificato Ginestra, sconta un turno anche Carullo. Indisponibili Tulli e Benvenga. Un positivo nel gruppo squadra, tre nello staff tecnico

Calcio
Andria domenica 23 gennaio 2022
di Riccardo Alicino
Gennaro Di Maio in conferenza stampa pre-gara
Gennaro Di Maio in conferenza stampa pre-gara © Fidelis Andria

Nella testa c’è ancora il poker, tra le polemiche, subito dalla corazzata Sudtirol nella semifinale di andata di Coppa. Negli occhi, la voglia di trovare l’arcobaleno dopo la tempesta. Una prima parte di stagione chiusa al terz’ultimo posto in campionato ha indotto in questa finestra invernale di calciomercato una semi-rivoluzione. E la ripresa dei giochi, dopo un mese di stop causa Covid, mette di fronte ai federiciani un primo -delicatissimo- scoglio salvezza: la Vibonese, cenerentola del torneo sotto di due lunghezze. «Tornare in campo dopo un mese non è facile -ha asserito in conferenza stampa pre-gara il tecnico in seconda Di Maio- ma non lo sarà solo per noi. La gara di martedì poteva rappresentare un test importante anche in ottica campionato. Avremmo voluto giocarcela alla pari. Ma la partita, come sappiamo, è stata subito condizionata da delle discutibili decisioni arbitrali. Ora però c’è una sfida difficilissima; troveremo una squadra agguerrita, in uno scontro diretto; verranno a prenderci alti, bisognerà leggere bene i momenti». Di Maio non nasconde di conoscere il peso del match: «Ci giochiamo tanto. Con un risultato positivo, ad esempio, terremmo ancora due squadre alle nostre spalle».

E’ un Andria che cambia volto quella che sta ridisegnando il d.s. Logiudice, sempre vigile sul mercato. La posizione di classifica e una prima parte di stagione poco esaltante, non permettono di esaudire i desideri più ambiziosi. Si punta, dunque, su un “usato” sicuro, continuando a perseguire gli obiettivi principali: rafforzare il pacchetto under e iniettare qualità e positività. «Qualcosina sta cambiando -ammette Di Maio- la società ha cercato di mettere più gamba e struttura nella squadra». Nella sfida di martedì, Ginestra ha subito voluto gettare nella mischia gli ultimi arrivati. «Sono arrivate buone risposte in Coppa. Abbiamo visto da parte loro una buonissima prestazione, nonostante giocare in 9 per 70’ faccia saltare tutto il piano gara»

Oltre al risultato perentorio (0-4, ndr), che ha permesso agli altoatesini di mettere un piede in finale, i federiciani si portano dietro strascichi pesanti: un turno di squalifica a Ginestra e Legittimo, tre per Matteo Di Piazza (espulso con doppia ammonizione per proteste al 22’). Tutte squalifiche da scontare nelle future gara di Coppa. In campionato però, conseguenze di questo tipo potrebbero costare caro: «Sentivamo molto il peso della gara e determinate decisioni ci hanno fatto perdere il senno, a maggior ragione perché non è la prima volta che subiamo questo. Tuttavia, è anche vero che bisognerà essere, d’ora in poi, decisamente più lucidi e razionali». Ne sa qualcosa mister Ginestra, che salterà proprio per squalifica, assieme a Carullo, la sfida di questo pomeriggio (start 17:30); ancora indisponibili, invece, Benvenga e Tulli. Capitolo Covid: una nuova positività al fronte di una negativizzazione; tre invece positivi nello staff tecnico. Sul fronte mercato, invece, il club federiciano ha ufficializzato la rescissione con Alessandro Bordin. Possibili novità in entrata nella prossima settimana. 

Lascia il tuo commento
commenti