Vacanza da local in Puglia: quali parole conoscere del vocabolario pugliese

Vacanza da local in Puglia: quali parole conoscere del vocabolario pugliese

​La Puglia è ricca di bellezza e gusto, ma anche di dialetti. Per questo chi la visita dovrebbe avere un vademecum linguistico per muoversi come un vero local. Ecco un piccolo vocabolario pugliese

Contenuti Suggeriti
Andria giovedì 16 giugno 2022
di La Redazione
Vacanza da local in Puglia: quali parole conoscere del vocabolario pugliese
Vacanza da local in Puglia: quali parole conoscere del vocabolario pugliese © n.c.

La Puglia non è ricca solo di bellezza e gusto, ma anche di dialetti. Proprio per questo tutti coloro che visitano la regione dovrebbero avere a loro disposizione un vademecum linguistico per non perdersi tra parole e suoni incomprensibili.
Per muovervi come dei veri local, abbiamo messo a punto un piccolo vocabolario pugliese.

Luoghi da visitare in Puglia

Siete appena arrivati e non sapete quali luoghi pugliesi visitare? Sappiate che da nord a sud c’è solo l’imbarazzo della scelta.
Da non perdere c’è sicuramente u Gargàne, promontorio ricco di paesini suggestivi dove assaggiare la vera cucina tradizionale pugliese. Una tappa obbligata la merita Rocchetta Sant’Antonio, dove potrete assaggiare gli scaldatelli, taralli tipici frutto di un impasto a base di farina, olio extra vergine d'oliva e acqua che devono essere rigorosamente accompagnati da un bicchiere di mjère locale.
Scendendo più a sud c’è u Castìide, maniero federiciano che vi permetterà di immergervi nelle misteriose atmosfere dello stupor mundi. Non appena lasciato il Castel del Monte, dovreste le trùdde, i trulli di Alberobello. Queste costruzioni sono state edificate con la tecnica dei muretti a secco - in dialetto parieti – senza però l’aiuto di malta o cemento.

Tutti nel mare più bello della Puglia

Conosciuto anche per il suo mare cristallino, spostandoci verso la costa pugliese è impossibile resistere all’andare ammàre, come dicono i local.
Prima di tuffarvi nelle acque più belle della regione – le spiagge del Salento sono le più apprezzate – posizionate la sègge (sedia), il mannìle (asciugamano) e l'umbrellòone.

Puglia da mordere in dialetto: i piatti tipici

Tra i capisaldi della cucina regionale c’è pàne e pemedòre, cioè pane e pomodoro, bontà semplice e genuina di cui fanno incetta i local. Sono sempre loro a chiamare le orecchiette strascenàate, squisite se condite o pe re brasciòle o pe re cìme de ràape.
Come secondo da non lasciarsi scappare ci sono gli gnemarìidde (torcinelli di fegato). Come spezza-fame impossibile non citare le panzèrotte (panzerotti), la fecàzze (la focaccia) e i taràdde (taralli).

Proprio questi ultimi non possono essere ridotti al nomignolo di “cibo da strada”, ma dei veri e propri salva vita in svariate occasioni. Grazie al nuovo packaging di aziende attente come Fiore di Puglia, ad esempio, è possibile continuare a guidare senza privarsi della loro croccantezza e versatilità: il nuovo bicchiere di carta da mettere nell'apposito vano è la soluzione che fa per voi.

Lascia il tuo commento
commenti