Il fatto

Muore Mons. Raffaele Calabro

Stamane l'intervento di Vigili del Fuoco e forze dell'ordine presso l'abitazione di via Enrico de Nicola. Aveva 77 anni

Cronaca
Andria venerdì 04 agosto 2017
di La Redazione
la casa di via Enrico de Nicola
la casa di via Enrico de Nicola © AndriaLive

Si è spento stamane presso la sua abitazione di via Enrico de Nicola all'età di 77 anni.

Probabilmente un arresto cardiaco a provocare la morte nella mattinata odierna del Vescovo emerito della nostra diocesi. Dopo aver lasciato la guida della Diocesi per raggiunti limiti di età viveva da solo nella sua abitazione.

Sul posto è intervenuta la Polizia Locale, che avrebbe allertato alcuni uomini della Multiservice i quali, con l'ausilio di un mezzo con cestello hanno raggiunto il balcone dell'abitazione di via Enrico de Nicola e, dopo aver rotto il vetro sono entrati nell'appartamento ma non hanno potuto fare altro che constatare il decesso di mons. Raffaele Calabro trovato riverso a terra nella sua stanza da letto.

Sul luogo sono giunti anche i Carabinieri e i Vigili del Fuoco che, però, non sarebbero intervenuti, poiché la situazione era già accertata. L'arrivo poi del 118 ed un medico legale ne ha confermato il decesso dovuto a un arresto cardiaco.

A marzo 2016 l'ultima sua apparizione pubblica in occasione del prodigio della Sacra Spina.

_________

Mons. Raffaele Calabro è ordinato presbitero il 15 marzo 1964 dal vescovo Gaetano Pollio.

Svolge gran parte del suo ministero pastorale nel servizio diplomatico della Santa Sede, prima all'estero, nelle nunziature apostoliche del Brasile (1968-1971), dell'Australia (1971-1974) e della Germania (1975-1980), e poi in Vaticano, nel Consiglio per gli Affari Pubblici della Chiesa (1980-1989).

Il 19 novembre 1988 è eletto vescovo di Andria da papa Giovanni Paolo II. Riceve la consacrazione episcopale il 6 gennaio 1989 dallo stesso Papa, coconsacranti gli arcivescovi (poi cardinali) Edward Idris Cassidy, sostituto per gli affari generali e José Tomás Sánchez, segretario della Congregazione per l'evangelizzazione dei popoli. Inizia ufficialmente il ministero episcopale nella diocesi il 29 gennaio successivo.

È stato presidente della Commissione pastorale regionale della Conferenza episcopale pugliese (CEP) e membro della Commissione episcopale per l'educazione cattolica, la scuola e l'università della Conferenza Episcopale Italiana.

Durante gli anni del suo ministero è stato testimone di due prodigi della Sacra Spina, il primo avvenuto nel 2005, l'altro nel 2016.

Il 29 gennaio 2016 papa Francesco accoglie la sua rinuncia al governo pastorale della diocesi per raggiunti limiti d'età dopo 27 anni di Episcopato.

Durante l’ultimo anno Santo, indetto da papa Francesco per l’anno della Misericordia, ha indicato come porte sante, oltre quella della chiesa Cattedrale altre due porte sante: casa accoglienza Santa Maria Goretti e l’ospedale civile “Bonomo” di Andria. Negli anni 2000 mons. Calabro ha voluto ristruttura la ex casa delle suore vincenziane in via Quarti ad Andria destinandola a casa di accoglienza. L’intero stabile fu ristrutturato dalle fondamenta e riaprì i battenti per accogliere con la compassione e l’amore di Cristo quanti non hanno fissa dimora, cibo, indumenti e mezzi di sostentamento. La casa fu inaugurata il 17 novembre 2001.

Il suo mandato è stato caratterizzato da una cospicua produzione di lettere pastorali per la comunità ecclesiale diocesana. Inoltre durante il suo ministero episcopale sono stati edificati diversi complessi parrocchiali grazie ai fondi dell’8 per mille della chiesa cattolica. Uomo schivo, dedito alla ricerca ed allo studio, ha svolto il suo ministero episcopale con riservatezza.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti