Nuova data

​Scontro treni, l’inizio del processo slitta all’11 aprile

Rinvio per consentire la formazione del collegio giudicante, nel quale entreranno anche nuovi magistrati assegnati al Tribunale di Trani

Cronaca
Andria martedì 29 gennaio 2019
di La Redazione
Scontro treni tra Andria e Corato
Scontro treni tra Andria e Corato © n.c.

Slitta all’11 aprile l’inizio del processo per lo scontro tra due treni della Ferrotramviaria che, il 12 luglio 2016, provocò 23 morti e 51 feriti lungo la tratta Andria-Corato. Il rinvio, rispetto alla prima udienza già fissata per il 28 marzo, è stato disposto dal presidente del Tribunale di Trani, Antonio De Luce, in quanto per comporre il collegio giudicante occorre attendere la ‘presa di possesso’ da parte dei nuovi magistrati assegnati all’ufficio tranese. E questo avverrà solo ai primi di aprile.

Da qui il rinvio all’udienza dell’11 aprile per l’inizio del dibattimento, che è stato fissato nell’aula di Corte d’Assise. E questa volta la sede non dovrebbe cambiare, come invece avvenuto per l’udienza preliminare che si è svolta per massima parte nell’aula bunker del carcere.

Alla sbarra, dopo il rinvio a giudizio disposto dal Gup Angela Schiralli il 19 dicembre scorso, ci sono 17 persone fisiche e una società (la Ferrotramviaria spa). Gli imputati sono dipendenti, dirigenti e vertici della Ferrotramviaria, responsabili del Ministero dei Trasporti e dell’Ustif (organo periferico del Mit che si occupa delle tratte in concessione) e rispondono - a vario titolo -. dei reati di disastro ferroviario, omicidio colposo e lesioni gravi colpose, omissione dolosa di cautele, violazione delle norme sulla sicurezza sul lavoro e falso. La Ferrotramviaria è a processo in qualità di persona giuridica e risponde dell’illecito amministrativo dipendente dai reati commessi da vertici e dirigenti. Solo uno dei 18 imputati (una dirigente del Mit) ha scelto il processo con rito abbreviato, che comincerà il 14 marzo.

Alla sbarra ci sono i capistazione di Andria e Corato, Vito Piccarreta e Alessio Porcelli; il capotreno sopravvissuto Nicola Lorizzo, e il dirigente coordinatore centrale (Dcc), Francesco Pistolato. Secondo la Procura “per colpa, in particolare per negligenza, imprudenza, imperizia, nonché in violazione del regolamento di circolazione treni (…) cagionavano il disastro ferroviario”. In particolare, le indagini di squadra mobile e polizia ferroviaria accertarono che da Andria il capostazione diede l'okay alla partenza del treno (l’ET1021) senza aspettare l'incrocio con il convoglio proveniente da Corato, la cui partenza però non era stata neppure comunicata.

A processo anche i dirigenti di Ferrotramviaria, ovvero l’ex presidente e ad Enrico Maria Pasquini e sua sorella Gloria Pasquini (subentrata al primo dopo le dimissioni del dicembre 2013), il direttore generale Massimo Nitti e il direttore di esercizio Michele Ronchi, che avrebbero sottovalutato il pericolo nonostante 20 inchieste disciplinari aperte fra il 2003 e il 2015, in seguito di incidenti sfiorati. Rinviati a giudizio anche altri sei dirigenti di Ferrotramviaria (Giulio Roselli, Vito Mastrodonato, Francesco Giuseppe Michele Schiraldi, Tommaso Zonno, Giandonato Cassano e Antonio Galesi) anche loro accusati di non aver adeguatamente valutato i rischi, violando una serie di norme sulla sicurezza.

A processo, ancora, il direttore generale della divisione Tpl del ministero delle Infrastrutture, Virginio Di Giambattista, accusato (in concorso con un’altra dirigente, Elena Molinaro che ha scelto l’abbreviato e per la quale il processo inizia il 14 marzo), di non aver eseguito, tra le altre cose, le indicazioni contenute nel decreto Ansf n.4/2012 secondo il quale erano da considerarsi “obsolete” anche le linee con il blocco telefonico, tra cui appunto la Ferrotramviaria. Rinviati a giudizio, infine, Alessandro De Paola e Pietro Marturano, in qualità di direttori dell’Ustif (che si occupa delle linee ferroviarie in concessione) di Puglia, Basilicata e Calabria (il primo dal gennaio al giugno 2011 e dal giugno 2013 al dicembre 2014, il secondo dal 19 febbraio 2015).

Davanti al Gup si erano erano stati ammessi come parti civili (solo nei confronti delle persone fisiche) la Regione Puglia, i Comuni di Corato, Andria e Ruvo di Puglia, le associazioni Acu e Anmil, i parenti delle vittime e i viaggiatori sopravvissuti. Mentre Ferrotramviaria e Ministero dei Trasporti sono presenti in qualità di responsabili civili.

Lascia il tuo commento
commenti