la nota

Utilizzavano lo spazio esterno per l'esposizione di frutta e verdura: sospese 5 attività commerciali

Ass. Matera: «Frutta e verdura “condita” di gas di scarico delle marmitte vogliamo proprio evitarla»

Cronaca
Andria martedì 26 febbraio 2019
di La Redazione
ortaggi sequestrati
ortaggi sequestrati © n.c.

Con ordinanze dirigenziali 87-88-89-90-91 datate ieri lunedì 25 febbraio, sono state sospese 5 attività commerciali, in sede fissa, di vendita di frutta e verdura.

In un caso la sospensione è di 3 giorni, negli altri 4 di un solo giorno. In tutti e 5 i casi l’ordinanza è stata emessa con “sgombero immediato dell’occupazione realizzata in prossimità del proprio esercizio commerciale e posta in essere in assenza di titolo abilitativo”.

Le attività sospese riguardano vie diverse della città: via Maraldo, piazza Porta La Barra, via Buozzi, via Barletta. Sequestrati anche stamane quasi 60 chili di ortaggi venduti senza titolo (nella foto).

«Dopo le prime ordinanze di sospensione dell’attività di vendita di frutta e verdura delle settimane scorse proseguiamo in questa direzione - spiega l’avv. Pierpaolo Matera, assessore alla Polizia Locale e Sviluppo Economico -. Anche queste ordinanze sono in linea con la decisione di combattere abusi e violazioni alle regole di vendita autorizzata di frutta e verdura. Con una attenzione ulteriore: questa volta colpiamo coloro che utilizzano lo spazio esterno come spazio di vendita non autorizzato ed evitiamo contaminazioni con i fattori inquinanti legati alla esposizione di frutta e verdura sui marciapiedi esposti al traffico automobilistico. Frutta e verdura “condita” di gas di scarico delle marmitte vogliamo proprio evitarla. Vogliamo fruttivendoli attenti anche e soprattutto a questo aspetto salutistico della merce esposta in vendita».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • savino ha scritto il 27 febbraio 2019 alle 12:15 :

    ma il venditore che si trova vicino al passaggio a livello di via trani è immune ai regolamenti, o qualcuno ha il prosciutto agli occhi, scusate, poche regole per TUTTI. Rispondi a savino

  • Andrea pomo ha scritto il 26 febbraio 2019 alle 19:42 :

    Caro assessore lei pensa di fare cosa buona togliendo il giusto agli onesti ma si guardi un po' in giro altro che roba contaminata dobbiamo veramente fare un po' di pulizia in Andria.. In ogni angolo c è un carretto quelli non li vedete? O fate finta di niente? Non so perché devono patire sempre i negozianti Rispondi a Andrea pomo

  • Marco Palumbo ha scritto il 26 febbraio 2019 alle 19:29 :

    C è da dire assessore che ci sono molte altre cose strane da controllare.. Lasciate stare le attività che sono in regola ma guardiamo un po' altro.. Come i carretti al largo torneo.. Le macchine lungo il viale con merce nel cofano e senza parlare di quelli che vendono l uva e non voglio dilungarmi il pesce il lunedì al mercato e molto altro.. Penso che togliere il giusto ai giusti non è bello togliete a chi non ha niente in regola nemmeno la merce allora si che avrete fatto cosa buona.. Mi dispiace ma non siamo assolutamente d'accordo mettetevi nei panni degli onesti una volta tanto Rispondi a Marco Palumbo

  • Luigi ha scritto il 26 febbraio 2019 alle 15:33 :

    Ci sono sempre i magna magna Rispondi a Luigi

  • Delc ha scritto il 26 febbraio 2019 alle 15:02 :

    Penso che con il tasso elevatissimo di tumori ad Andria,questo non può che essere solo l'inizio.È necessario un radicale cambiamento culturale altrimenti la colpa sarà sempre di qualcun'altro. Rispondi a Delc

  • Bb ha scritto il 26 febbraio 2019 alle 14:19 :

    Mah Rispondi a Bb

  • Antonio Memeo ha scritto il 26 febbraio 2019 alle 13:48 :

    Complimenti all'assessore Matera,paladino della giustizia con chi paga le tasse e cerca di lavorare degnamente. E' strano che non si accorga di quanti vendono abusivamente in ogni angolo della strada o direttamente dal cofano delle auto. Vogliamo andare a controllare i pseudo coltivatori che hanno trasformato il proprio uscio in FRUTTA E VERDURA? Come al solito pagano sempre i titolari di partita IVA. Rispondi a Antonio Memeo

  • Maddy ha scritto il 26 febbraio 2019 alle 13:31 :

    Fanno i controlli x i gas di scarico.. E poi non controllano la verdura e la frutta che arriva dalla Spagna piena di pesticidi dannosi per noi... Rispondi a Maddy