Il fatto

Tentato omicidio e reati vari, si riapre il processo a 12 anni dal fatto

Tutto da rifare il processo su un agguato di mafia commesso ad Andria il 29 agosto 2007

Cronaca
Andria sabato 09 marzo 2019
di La Redazione
POLIZIA SCIENTIFICA
POLIZIA SCIENTIFICA © n.c.

Dopo 12 anni è tutto da rifare il processo su un agguato di mafia commesso ad Andria il 29 agosto 2007, nel quale rimase ferito l'allora 24enne Pietro Dell'Endice. La Corte di Cassazione ha annullato con rinvio la sentenza con la quale, nel giugno 2017, la Corte di Appello di Bari aveva assolto, "per non aver commesso il fatto", i due pregiudicati Francesco Nicolamarino, 47 anni e Nicola Sgaramella, 43 anni.

I due, a bordo di un'auto, avrebbero raggiunto la vittima dell'agguato nella piazza centrale di Andria esplodendogli contro l'intero caricatore di un mitra: 32 colpi. Dell'Endice, però, non morì e, rimasto ferito a terra, si finse morto.

L'indagine fu inizialmente archiviata e riaperta anni dopo dal pm della Dda di Bari Roberto Rossi grazie alle dichiarazioni di alcuni collaboratori di giustizia. I due imputati, in primo grado nel febbraio 2016, erano stati condannati dal Tribunale di Trani rispettivamente a 13 anni e 4 mesi e a 14 anni e 8 mesi di reclusione per i reati di tentato omicidio, detenzione abusiva di armi e munizioni, ricettazione, danneggiamento a seguito di incendio: tutti reati aggravati dal metodo mafioso.

La Corte di Appello poi li assolse ritenendo i 'pentiti' inattendibili, ma secondo i giudici della Cassazione quelle dichiarazioni vanno rivalutate.

Lascia il tuo commento
commenti