I fatti

Week end tinto di violenza ai danni delle donne

Due episodi distinti: in uno la donna è dovuta addirittura ricorrere alle cure del 118 per trauma cranico e tumefazioni multiple

Cronaca
Andria lunedì 11 marzo 2019
di La Redazione
violenza ai danni delle donne
violenza ai danni delle donne © n.c.

Due storie di violenza a pochi giorni dalla celebrazione dell’8 marzo si sono consumate nel week end appena trascorso.

Due distinti casi di violenza domestica ai danni di due donne che hanno dovuto fare ricorso all’intervento delle forze dell’ordine ed in un caso anche alle cure dei sanitari del 118.

Il caso più grave si è consumato ieri sera, attorno alle ore 23, tra mura domestiche di un’abitazione del centro storico andriese, quando una donna è stata picchiata dal marito davanti alle due figlie di 9 e 7 anni. Una ferocia inaudita tanto da procurare alla donna trauma cranico, tumefazioni multiple al volto e lesioni diffuse su tutto il corpo.

L’uomo è stato denunciato. Il caso è al vaglio della Polizia di Stato che accerterà anche se l’uomo fosse sotto l’effetto di alcool e stupefacenti. Fortunatamente la donna, trasportata al pronto soccorso del Bonomo di Andria in codice giallo, non versa in condizioni disperate.

Un altro intervento ad opera della Polizia di Stato si è reso necessario sabato sera, quando una donna ha allertato le forze dell’ordine poiché, il marito, in evidente stato di ubriachezza si è presentato alla sua porta pretendendo di vedere i suoi figli, ne è nato un alterco che è stato sedato con l’intervento del 113.

Due episodi che ci fanno riflette su quanta strada ci sia ancora da fare per prevenire situazioni di degrado che sfociano in violenza fisica ai danni delle donne.

In entrambi i casi, il dirigente del locale commissariato di P.S., il dott. Emanuele Bonato, ha interessato, oltre alla Procura ordinaria, anche il Tribunale per i minori e il Servizi Sociali del Comune di Andria.

Lascia il tuo commento
commenti