Il post

Governo Draghi, D'Ambrosio lascia il M5S

Il Parlamentare andriese: «Continuerò ad essere a disposizione di chi, nel territorio della nostra provincia, riterrà che io possa essere utile a difesa delle sacrosante istanze dei cittadini»

Politica
Andria sabato 13 febbraio 2021
di la redazione
L'On. Giuseppe D'Ambrosio del M5S
L'On. Giuseppe D'Ambrosio del M5S © n.c.

Come da noi annunciato questa mattina, l'On. Giuseppe D'Ambrosio ha ufficialmente lasciato il M5S per non aver condiviso la scelta del Movimento di sostenere il Governo Draghi.

L'addio è stato comunicato con un lungo post su Facebook: «è da qualche ora che provo a scrivere questo post, cancellandolo e riscrivendolo diverse volte, perchè è difficile parlare di una intensa, forte e lunga storia d'amore che si interrompe con grande sofferenza, dopo aver tentato in ogni modo di seguire quello che pensavi potesse aiutare a recuperare da un "vicolo cieco" che ormai è diventato purtroppo evidente a tutti.

15 anni della propria vita dedicati ad un'idea, ad un sogno, ad un simbolo, trascurando affetti, disintegrando il proprio lavoro e la propria prospettiva di vita, non si dimenticano con un post e per questo non smetterò mai di ringraziare Beppe, Gianroberto e tutti coloro che in questi anni hanno reso possibile che il sogno di pochi, diventasse la realtà di una intera nazione.

Ma non posso dimenticare chi sono. Non posso dimenticare che sono il "povero" venuto dalla strada, il "pazzo" che andava ad aprire il gazebo alla Vaccina nel 2007 e da solo non riusciva ad aprirlo... ed ogni mattina doveva aspettare che qualcuno di buon cuore si fermasse per darmi una mano.

Lo "spillabirre", il cameriere, il massaggiatore (offesa per un fisioterapista). Pensavano di offendermi con questi appellativi, quando invece mi ricordavano che, come tantissime persone umili, nella mia vita ho sempre lavorato e non ho mai chiesto nulla a nessuno.

Non posso dimenticare che sono stato il candidato sindaco più giovane della storia di Andria, senza alcuna famiglia potente alle spalle, senza denaro, senza interessi, che cercava solo di portare una voce in consiglio comunale, una voce nuova, forte, dirompente: quella di cittadini andriesi mai ascoltati!

Non posso dimenticare di essere stato paracadutato nel 2013 in Parlamento, grazie ad un miracolo fatto da un visionario come Beppe Grillo per poi realizzare, con un gruppo meraviglioso, 5 anni di opposizione durissima a tutti coloro che dal 2018 però, ci hanno minato da dentro, cambiandoci e trasformandoci in peggio.

Non posso dimenticare tutti i sindaci, assessori, consiglieri comunali ed attivisti, conosciuti in questi anni: loro erano, sono e saranno sempre la parte migliore del MoVimento 5 Stelle, la speranza per un futuro migliore, persone incredibilmente dedite alle proprie comunità senza alcun interesse economico, rimettendoci spesso con il lavoro e con gli affetti.

Vi chiedo scusa e vi prego, non mollate mai!!!

Ma non posso e soprattutto non voglio dimenticare il mio territorio, tutti i volti che in questi anni mi hanno accompagnato, mi hanno rivolto tanto affetto che spero di aver ricambiato. A loro rivolgo un abbraccio forte perchè comprendo le difficoltà, il disorientamento, la confusione...ma voglio dirvi che nel limite delle vostre disponibilità e della vostra comprensione, ci sono e ci sarò sempre!

A proposito di essere!

IO SONO ANDRIESE.

Non l'ho mai nascosto...anzi, ne sono orgoglioso!

In questi anni più volte sono stato attaccato per essere un parlamentare troppo "andriacentrico", troppo attento alle vicende della mia Andria e degli andriesi.

Non ne sono pentito affatto ed anzi, in questi anni, vedendo il baratro nel quale stava precipitando la mia città, ho tentato in ogni modo di esserle sempre più vicino e proprio per questo AMORE verso la mia Andria, dovrete perdonarmi se farò un gesto di incoerenza: avrei voluto dimettermi!

Si, lo avrei voluto ma non posso!

Non posso lasciare Andria senza il proprio parlamentare nel momento più delicato della sua storia, quando probabilmente si avvicina lo spettro per la prima volta nella sua storia del dissesto economico. Nel momento in cui Andria tocca il fondo non posso lasciarla sola, perchè la pandemia e la crisi economica che ne scaturirà, metteranno a dura prova tutte le attività e le famiglie andriesi.

Grazie agli andriesi sono in Parlamento, addirittura nel 2018 come il pugliese più suffragato di tutti. Sento una responsabilità. Sento il peso dei tanti volti di andriesi che non possono essere egoisticamente abbandonati.

No! So che sarò giustamente criticato per questo, ma è il prezzo che accetto di pagare per cercare di restituire qualcosa agli andriesi che in questi anni mi hanno dato tanto.

Nell'incontro di ieri con il Sindaco di Andria, Giovanna Bruno, è venuta fuori una situazione comunale disperata, ed al Sindaco ho detto che per questo sono disponibile ad aiutarla in ogni modo poichè DEVO aiutare gli andriesi.

Questo, a scanso di fraintendimenti, non significa essere con una parte politica ma essere con chi quella istituzione rappresenta, senza entrare in maggioranze o alleanze incomprensibili, perchè gli andriesi hanno votato il centrosinistra ed è giusto che ad Andria loro governino e tutti gli altri facciano opposizione.

Ovviamente continuerò ad essere a disposizione di chi, nel territorio della nostra provincia, riterrà che io possa essere utile a difesa delle sacrosante istanze dei cittadini.

Sicuramente ho dimenticato tantissime cose, tantissime storie soprattutto locali da dove tutto è nato, a partire da Doriana, diventata prima consigliera comunale ad Andria dopo la splendida avventura insieme del 2010, per finire a Nunzia, l’ultima arrivata in consiglio comunale, ma 15 anni sono tanti da condensare in un post ed allora mi perdonerete se, con la tristezza nel cuore, vi saluto e vi dico di non mollare, di credere nei vostri sogni, perchè se il figlio di un netturbino e di una casalinga, che vivevano e vivono ancora in casa popolare, può avere l'onore di diventare un rappresentante dei cittadini nelle più alte istituzioni italiane, anche voi potete farlo. Dovete farlo».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • NICOLA GISSI ha scritto il 15 febbraio 2021 alle 17:47 :

    DIMETTITI e basta non sei stato utile quanto eri onorevole di maggioranza lo devi essere adesso, ma fammi il piacere. Rispondi a NICOLA GISSI

  • sabino cannone ha scritto il 15 febbraio 2021 alle 09:20 :

    Dopo il giudizio di condanna c'è il ricorso in appello. L'appello che ti faccio è di unirti ad alcuni tuoi colleghi e proporre il recesso da "questa" Unione Europea invocando l'art. 50 del TUE(prima parte del Trattato di Lisbona illegittimo e incostituzionale per la stessa Convenzione di Vienna '69 ovvero contro i principi fondanti della ns Costituzione per cessione di sovranità). Vediamo se in Parlamento dalle parole si può passare ai fatti. Non mollare e fai opposizione dura a Draghi. Monti fu curatore fallimentare, Draghi sarà il liquidatore fallimentare dell'Italia Rispondi a sabino cannone

  • AmicodiPeppone ha scritto il 14 febbraio 2021 alle 21:36 :

    Tutto bellissimo e di una coerenza indomita.... a questo sarebbero dovute seguire le dimissioni da onorevole!!! Rispondi a AmicodiPeppone

  • Compaesano ha scritto il 14 febbraio 2021 alle 21:06 :

    Mai condiviso la tua posizione politica, ma comunque, onore e rispetto per la tua storia personale. Rispondi a Compaesano

  • Giuseppe I. ha scritto il 14 febbraio 2021 alle 16:23 :

    In democrazia la minoranza accetta e lavora per realizzare tutti i progetti, e non solo quelli che ci risultano più graditi. Consideriamo il fatto che una decisione diversa avrebbe consegnato il nostro paese nelle mani di mister leggi ad personam e a mister 49 milioni da restituire nei secoli futuri. Purtroppo, nonostante alcuni partiti onesti dobbiamo constatare che il portafoglio è finito nelle mani di gente pericolosa per noi del popolo. Che Dio ci assista. Rispondi a Giuseppe I.

  • Pepsi ha scritto il 14 febbraio 2021 alle 12:40 :

    Dura lasciare i privilegi da parlamentare che ti permetteranno di vivere con una pensione dorata... per favore, un po’ di onestà intellettuale e meno ipocrisia... non voglio ergermi a “giudicatore”, chiunque vorrebbe trovarsi al tuo posto ed avrebbe fatto lo stesso!!! Complimenti a te, sei stato bravo e scaltro a sfruttare un periodo buio del Paese e a “fiutare” l’affare.Ti sei fatto strada con un partito che si è rivelato il più grande pacco della Repubblica italiana!!! Ma d’altronde, si sa, la politica in Italia è questa, “gioca” col malcontento e l’ignoranza della gente. Ricordo ancora i vari slogan del M5S: no euro, no europa, no tecnocrati, no immigrazione e mai col PD... Ripeto, questa non vuole essere un accusa o un giudizio, anzi una congratulazione per la tua scaltrezza. Rispondi a Pepsi

  • Riccardo M. ha scritto il 14 febbraio 2021 alle 12:32 :

    Dunque? Per coerenza e logica ora dovrebbe abbandonare anche la maggioranza in cui non si riconosce ed aderire all' unico partito di opposizione, ovvero FdI. Dubito però che la gradiscano! Ci aggiorni sul suo futuro politico. Se non si riconosce né nella maggioranza, né nella opposizione mi aspetto il suo addio alla politica. Rispondi a Riccardo M.

  • Francesco Berardino ha scritto il 14 febbraio 2021 alle 10:16 :

    Condivido la tua scelta Giuseppe , e tutto quanto da te detto!!! Rispondi a Francesco Berardino