La nota di Pd, Andria Bene in Comune, Futura e AndriaLab3

Lavori sulla Sp2, il csx a Regione e Provincia: «Non chiudete la Murgia»

«Lo sviluppo sostenibile della nostra terra è possibile se i protagonisti, sociali ed istituzionali, lavorano insieme»

Politica
Andria venerdì 24 settembre 2021
di la redazione
Sp2/Lavori in corso
Sp2/Lavori in corso © AndriaLive

«Nel territorio di Andria c’è una strada che rende possibile l’accesso e collega molte, ma molte, strutture ricettive ed enogastronomiche che costituiscono una delle leve migliori per lo sviluppo economico. 

Senza colare un chilo di cemento in più, senza divorare un metro quadro di territorio in più perché tutto quello che serve lo abbiamo già: è la strada provinciale che da Montegrosso porta a Minervino e Castel Del Monte.

Parliamo dell’accesso alla Murgia e al cuore del nostro territorio: Su quella direttrice operano alcuni tra i campioni locali della gastronomia, della ricettività e della agricoltura di qualità.

Eppure il progetto della strada provinciale Andria Canosa, partorito dalla amministrazione Ventola di centro destra, attualmente in corso di realizzazione, chiude quell’accesso, senza nessuna alternativa, e taglia fuori la parte migliore e più incontaminata del territorio dai flussi di mobilità e di turismo dolce.

Invece paradossalmente c’è una strada del tutto inutile, dal costo di 30 milioni di euro, che divora terreni agricoli pregiati , e che il Consiglio Comunale di Andria ha deciso che non deve farsi: la cosiddetta nuova tangenziale di Andria, che invece la Amministrazione provinciale intende realizzare ugualmente.

Una gestione amministrativa più oculata avrebbe permesso di rettificare quei progetti del centro destra che si palesano così incoerenti con le esigenze del territorio. 

Per questo chiediamo a Regione e Amministrazione Provinciale di sospendere i lavori che pregiudicano l’accesso a Montegrosso e alla Murgia, e nel frattempo definire insieme al Comune le soluzioni possibili.

Lo sviluppo sostenibile della nostra terra è possibile se i protagonisti, sociali ed istituzionali, lavorano insieme.

Andria intende far valere la propria voce». 

Lascia il tuo commento
commenti