La nota

Movimento Pugliese: «Il sito web del Comune di Andria diventa organo di informazione del PD»

«Invitiamo il sindaco a far un uso adeguato delle risorse strumentali dell’Ente, affinché non siano i cittadini a “sopportare” i costi di questa spasmodica ricerca dei riflettori»

Politica
Andria giovedì 04 agosto 2022
di La Redazione
Movimento Pugliese: «Il sito web del Comune di Andria diventa organo di informazione del PD»
Movimento Pugliese: «Il sito web del Comune di Andria diventa organo di informazione del PD» © n.c.

«Il sito web istituzionale del Comune di Andria dovrebbe essere sempre deputato alla pubblicazione di comunicazioni istituzionali. Accade, invece, che vengono pubblicati comunicati e notizie relative alla partecipazione del sindaco Bruno ad eventi politici del Partito Democratico»: a farlo notare è il Movimento Pugliese con una nota a firma dei consiglieri comunali, Nino Marmo, Luigi Del Giudice e Marcello Fisfola.

«Ne è un esempio - precisano - la pubblicizzazione sul sito istituzionale del Comune della partecipazione di Giovanna Bruno, con gli altri sindaci del PD, alla presentazione dei punti programmatici indicati dai sindaci dem per la prossima campagna elettorale. Non vogliamo, in questa sede, entrare nel merito del “presenzialismo” tipico di questa Giunta e, in particolar modo, del sindaco, è affar suo. Ma la propaganda non entri nella sede istituzionale».

«Tra l’altro - continuano - l’uso improprio di risorse umane e strumentali dell’Ente, quali il sito istituzionale o l’ufficio stampa, potrebbe configurare forme di responsabilità contabile. Pertanto - concludono - invitiamo il sindaco a far un uso adeguato delle risorse strumentali dell’Ente, affinché non siano gli andriesi a “sopportare” i costi di questa spasmodica ricerca dei riflettori».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • sabino cannone ha scritto il 05 agosto 2022 alle 09:20 :

    il primo quarto dell'art. 1 della Costituzione, cita "L'Italia è una Repubblica democratica,...." e appartiene al potere del governo, tutto il resto dell'art. 1 appartiene al popolo. Il padre putativo della citazione è di un personaggio storico: Vladimir Ilich Uljanov in arte Lenin, fondatore del partito bolscevico russo. Lenin durante le riunioni di partito soleva dichiarare:" ..se c'è una cosa certa, questa cosa certa è che il partito andrà al potere come una Repubblica democratica..." (fonte dal libro dello storico A. Carr "La rivoluzione bolscevica). Quindi che c'è da meravigliarsi , così fan tutti i governi diciamo pseudo- "democratici" Rispondi a sabino cannone

  • AmicodiPeppone ha scritto il 04 agosto 2022 alle 16:49 :

    Hanno perfettamente ragione, si è esagerato!!!!!! Rispondi a AmicodiPeppone