La nota

Avv Di Pilato: «Come mai non viene convocato il consiglio comunale?»

«Forse si attende la convocazione del consiglio sul bilancio, la cui scadenza per la sua approvazione è prevista per il 31 marzo?»

Politica
Andria lunedì 11 marzo 2019
di La Redazione
avv.to Laura Di Pilato
avv.to Laura Di Pilato © n.c.

L’avv.to Laura Di Pilato (fronte Democratico) scrive al Presidente del Consiglio, Marcello Fisfola e al Sindaco Giorgino per chiedere formalmente le motivazioni per le quali, all'indomani dell’ultima seduta (del 19 febbraio scorso) andata deserta per mancanza del numero legale, non si è proceduto, ai sensi degli artt. 23 e 24 del Regolamento di funzionamento del Consiglio Comunale, alla programmazioni di nuovi lavori del Consiglio Comunale. Non è stata, tanto meno, convocata una Conferenza dei Capigruppo Consiliari.

«In questo mese ho atteso con molta trepidazione la convocazione del consiglio comunale con i punti dell'ultimo consiglio del 19 febbraio che andò deserto.

Vi ricordate? solo perché avevo chiesto l'anticipazione del punto all’OdG riguardante gli interessi di un privato, ovvero dell'azienda Sanguedolce che chiedeva l’ampliamento dello stabilimento – si ricorda che la stessa azienda è quella che dà lavoro a molti andriesi - i consiglieri di maggioranza abbandonarono il consiglio comunale, additandomi come colei che aveva anteposto gli interessi privati a quelli pubblici.

Si innescò una polemica ingiustificata e la stessa maggioranza di consiglieri “Giorginiani” accuso tutti gli altri consiglieri che invece rimasero in aula e che votarono la mia richiesta di anticipazione del punto all’OdG.

Pertanto, mi sarei aspettata dal Presidente Marcello Fisfola, la convocazione del Consiglio comunale nell'immediatezza. Ad oggi, a circa un mese da quell'abbandono strano dell’aula da parte di questi, nulla è avvenuto. Mi chiedo quale oscuro motivo nasconde questa mancata convocazione di consiglio comunale? Tante polemiche per nulla? Forse si attende la convocazione del consiglio sul bilancio, la cui scadenza per la sua approvazione è prevista per il 31 marzo? Se codesti consiglieri di maggioranza ci tenevano tanto alla salvaguardia degli interessi pubblici come mai non hanno chiesto la convocazione urgente del consiglio comunale?

È questa - conclude la nota della Di Pilato - l’ennesima dimostrazione che l’amministrazione attuale oltre ad avere gli assessori all'effimero annoverano anche consiglieri inclini alla produzione di “fiction”!


Lascia il tuo commento
commenti