La nota

L'allarme della Uil Scuola: si riparte in presenza, ma con un deficit di 5000 unità

«Inoltre i precari ancora al palo: le procedure delle nuove graduatorie allungano i tempi e li penalizzano. Siamo all’improvvisazione, noi pronti a tornare in piazza»

Andria venerdì 24 luglio 2020
di La Redazione
Uil Scuola, Gianni Verga
Uil Scuola, Gianni Verga © n.c.

L'allarme della Uil Scuola Puglia: si riparte in presenza, ma con un deficit di 5000 unità tra docenti e personale Ata. Inoltre i precari ancora al palo: le procedure delle nuove graduatorie allungano i tempi e li penalizzano. Siamo all’improvvisazione, noi pronti a tornare in piazza.

«Sarebbe bastato un semplice sforzo di umiltà da parte di chi ci governa, magari per farsi spiegare come funziona la scuola da oltre un decennio, e comprendere che il personale precario ha consentito e tuttora consente il funzionamento della scuola statale. Un vero concorso straordinario semplificato avrebbe potuto almeno eliminare un problema aggiuntivo al Covid, ovvero quello di non avere i docenti in cattedra il primo settembre, causando problemi abnormi ai dirigenti scolastici e rendendo estremamente complicato l’avvio di un anno scolastico già di per sé reso difficoltoso dal diffondersi della pandemia».

Gianni Verga, segretario generale della Uil Scuola Puglia, commenta così i dati sulle carenze di personale nel sistema scolastico pugliese. Nella nostra regione sono, ad oggi, 3.713 le cattedre e 1.281 i posti di personale Ata ancora vacanti. A livello territoriale, 1.804 in provincia di Bari, 528 Brindisi, 1.060 Foggia, 745 Lecce e 857 Taranto.

«Al problema della pandemia si aggiunge quello dell'assenza di personale che, oggi più che mai, avrebbe dovuto rappresentare una forma di garanzia per le famiglie e gli studenti. Senza dimenticare – prosegue Verga - il numero dei posti vacanti di dirigente scolastico (21) e 40 scuole che non avranno un dirigente scolastico e un direttore amministrativo in quanto sottodimensionate e, quindi, con responsabilità, peraltro non di poco conto, raddoppiate per chi le prenderà in reggenza.

Siamo allo sbando, all’improvvisazione, al si salvi chi può. Eppure – conclude Verga - il nostro grido di allarme lo avevamo lanciato un bel po' di tempo fa, ma come al solito la scuola, che dovrebbe rappresentare una priorità per la politica, il baluardo sul quale costruire il futuro, è l’ultimo dei problemi del Paese. Per i precari e gli assistenti amministrativi facenti funzione di dsga va trovata una soluzione politica immediata per il reclutamento e per un organico aggiuntivo attraverso un provvedimento legislativo, altrimenti non tentenneremo e torneremo nuovamente in piazza.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • sabino cannone ha scritto il 29 luglio 2020 alle 08:44 :

    Volevo ricordare alla UIL che c'è una sentenza della Corte europea che ha sentenziato la stabilizzazione del personale delle PP. AA. che per il principio della preminenza del diritto comunitario, allegato al trattato di Lisbona, il governo deve solo adempiere. Inoltre a leggere il DM 201/2020 sul nuovo concorso ordinario per la scuola, sembra più una corsa al decathlon che un vero concorso per titolo ed esami. Dovreste invocare l'art. 2 comma 7 della L. 146/1990 per astensione dal lavoro in difesa dell'ordine costituzionale, che nessun legislatore si è permesso di modificare, e portare a manifestare una fiumana di precari di lavoratori della Scuola e della Pubblica Amministrazione. Rispondi a sabino cannone