Domenico Di Noia La salute del cuore Leggi tutti gli articoli

La Rubrica

Si parlerà di prevenzione delle malattie cardiovascolari (MCV): Cardiopatia ischemica (Infarto miocardico, Angina pectoris, morte cardiaca improvvisa), ictus cerebrale, aneurismi aortici, malattia vascolare periferica, di insufficienza venosa cronica (IVC) e delle sue complicanze (trombosi venosa, embolia polmonare).

Le MCV, in particolar modo la CI, rappresentano tuttora la principale causa di morte prematura nel mondo e colpiscono tanto il genere maschile quanto quello femminile; di tutte le morti che avvengono prima dei 75 anni in Europa, il 42% è dovuto a MCV nelle donne e il 38% negli uomini. Oltre il 50% della riduzione osservata nella mortalità per Cardiopatia Ischemica è dovuta alla modificazione dei fattori di rischio e il 40% al miglioramento dei presidi terapeutici. Gli interventi preventivi devono protrarsi per tutta la vita, a partire dalla nascita fino all’età avanzata. Le malattie cardiovascolari sono la principale causa di mortalità e morbilità nei Paesi industrializzati. Più di tutte le forme di tumore.

L’IVC è molto diffusa nella popolazione italiana. Quasi il 50% degli italiani adulti presentano qualche disturbo attribuibile all’IVC. Le cause di IVC sono diverse e possono essere presenti fin da giovani, soprattutto in chi ha familiari con lo stesso problema. Specie nelle donne vi sono poi dei momenti della vita particolarmente a rischio quali le gravidanze e la menopausa che richiedono di adottare delle precauzioni per evitare il manifestarsi di una IVC. La malattia venosa si verifica quando una vena non funziona correttamente, causando un disturbo del normale flusso sanguigno. Le vene perdono progressivamente elasticità, si dilatano e si sfiancano con comparsa di vene superficiali dilatate comunemente chiamate vene varicose. Possono manifestarsi pesantezza e stanchezza delle gambe che regrediscono con il riposo notturno, ma che con il passare del tempo diventano più persistenti e non migliorano nemmeno con il riposo; crampi notturni, prurito, senso di calore, bruciore ecc., e complicanze quali la la flebite, la trombosi venosa profonda (TVP), ovvero la formazione di un trombo all'interno di una vena, e la tromboembolia polmonare (TEP) causata dall’ l'ostruzione acuta (completa o parziale) di uno o più rami dell'arteria polmonare, da parte di materiale trombotico proveniente dalle vene degli arti inferiori.In questa rubrica tratteremo singolarmente le malattie cardiovascolari e daremo consigli utili per prevenirle.

"La salute non è tutto, ma senza la salute tutto è niente" - Arthur Schopenhauer

L'Autore

Il dott. Domenico di Noia, andriese, si è laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università Degli Studi di Bari ed ha conseguito la specializzazione in Cardiologia presso la stessa Università nel 1992. Nell’anno Accademico 1998-1999 ha conseguito il Diploma del Corso di Perfezionamento in Angiologia presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università Degli Studi di Bari. Dal 26 Gennaio 2000 è Dirigente Medico di I Livello presso l’U.O. di Cardiologia D’Urgenza del Policlinico di Bari. Collabora con l'U.O.C di Medicina Nucleare dove esegue Scintigrafia miocardica da stress.È autore di numerose pubblicazioni su riviste Scientifiche Nazionali ed Internazionali.

Gli ultimi articoli di Domenico Di NoiaVedi tutti

Emergenza coronavirus e anziani: nessuna discriminazione nei loro confronti

venerdì 13 novembre 2020
«Esiste l’anziano che è autonomamente performante, che va in palestra, che ha una densa vita sociale, arricchita anche dalla presenza e dall’affetto dei nipoti e poi c'è l'anziano fragile che soccombe»

Covid-19: test diagnostici di laboratorio quali sono e come si eseguono

venerdì 6 novembre 2020
Solo un intervento diagnostico rapido può permettere di individuare soggetti infettati ed evitare di esporre altre persone al rischio contagio. Finora, il test più usato e affidabile per la diagnosi è il tampone o test molecolare

Mascherine sì o no?

venerdì 30 ottobre 2020
Durante la forzata convivenza con il Covid-19 ci siamo ormai abituati (o rassegnati) all’uso delle mascherine, che non sono da considerare un accessorio d’abbigliamento ma a tutti gli effetti un presidio salvavita

Il vaccino antinfluenzale protegge dal coronavirus e fa bene al cuore

venerdì 16 ottobre 2020
Quest'anno il virus influenzale circolerà contemporaneamente al SARS-CoV-2 (Coronavirus) e questo rende la vaccinazione contro l'influenza ancora più importante
Altri articoli
Gli articoli più letti