​L’attività fisica e il sistema immunitario

Muoversi ai tempi del CoronaVirus

Rosa Tortora Benessere InEquilibrio
Andria - venerdì 20 marzo 2020
​l’attività fisica e il sistema immunitario
​l’attività fisica e il sistema immunitario © n.c.

In questi giorni tutte le fonti di informazione parlano di virus, di contagio, di polmonite, configurando uno scenario drammatico che certamente non aiuta a restare sereni e non aiuta neppure le nostre difese immunitarie.

Fin da piccini ci hanno detto che per essere in buona salute è necessario avere un sistema immunitario forte e sano. Si sono però dimenticati di avvisarci che paura e stress liberano dalle ghiandole surrenali un ormone chiamato cortisolo (ormone dello stress), il quale non solo diminuisce la potenza del sistema immunitario, ma è di per sé immunodepressivo! Quindi stiamo calmi, respiriamo....e andiamo avanti!

Allontaniamoci per un attimo dal quadro e cerchiamo di vederlo nel suo insieme ma con occhi scevri da paura e condizionamenti.

Quindi cosa bisogna fare?

Sono numerosi gli studi scientifici che evidenziano un’influenza positiva dell’attività fisica sul sistema immunitario, soprattutto se praticata con costanza e senza eccessi.

È noto infatti che un’attività fisica regolare, con la giusta durata e intensità, aiuta a migliorare la risposta immunitaria dell’organismo.

Chi ha la buona abitudine di allenarsi non dovrebbe fermarsi!

Per due motivi:

1) garantisco al corpo uno stato di salute ottimale per affrontare serenamente anche un eventuale contagio. Oggi più che mai c’è bisogno di essere pronti e in forma.

2) Se smetto di allenarmi la mia forma fisica ne risentirà presto e quando tornerò ad allenarmi mi stresserò molto per tornare all’attuale forma fisica.

Chi ha la buona abitudine di frequentare anche quotidianamente la palestra, chi non si lascia sopraffare da allarmismi ingiustificati come la diffusione del coronavirus, chi è a conoscenza delle misure di gestione del problema, sa che dare continuità alla propria attività fisica è senza dubbio la miglior scelta per prevenire e difendersi dall’insorgenza di patologie virali.

Ci dicono che il problema principale di questa influenza interessa i polmoni e quindi diventa prioritario migliorare l'efficienza del nostro apparato polmonare, potenziando e nutrendo il nostro respiro.

Quindi è utile ridurre la paura, anche perché la paura non ci fa respirare correttamente.

Quanto più viviamo nella paura e nello stress tanto più riduciamo il funzionamento del nostro sistema immunitario, con tutti i rischi annessi e connessi.

Da millenni le culture orientali insegnano la potenza della meditazione e delle tecniche respiratorie, strumenti che sappiamo oggi abbassare il livello di stress e cortisolo.

Infine vocalizzare suoni come mantra e/o canzoni, incrementa non solo le capacità polmonari e ossigenative ma rappresenta anche una importantissima valvola di sfogo.

Dunque possiamo decidere di vivere questo momento epocale come fa la maggior parte delle persone, nella paura e nel terrore; o distraendoci!

Solo con un isolamento mediatico possiamo cogliere l'occasione e trasformare questa folle psicosi di massa in un momento florido per rinsaldare i legami familiari, iniziando a fare tutto quello che fin prima della comparsa di questo virus non facevamo: vivere la Vita per esempio!

Seguendo queste indicazioni affronteremo con energia e serenità ogni situazione e il coronavirus diventerà solo un brutto ricordo.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
Altri articoli
Gli articoli più letti