Alcune considerazioni in vista della partenza del nuovo servizio che partirà dal 1 luglio

Raccolta rifiuti: ogni cittadino sia un ingranaggio per il raggiungimento di "rifiuti zero"

I disagi e le polemiche non mancheranno però ora la nostra città ha bisogno di quello scatto di reni per raggiungere grandi obiettivi sia in termini ambientali che economici

Attualità
Andria lunedì 27 giugno 2022
di Michele Lorusso
Piazza Catuma
Piazza Catuma © Michele Lorusso/AndriaLive

59,64% è il dato di raccolta differenziata registrato a maggio 2022. Una percentuale lontana da quelle che si registrarono anni fa, quando nella nostra città sbarcò per la prima volta la raccolta differenziata.

Al netto di quelle che furono le vicende giudiziarie e di quella che è stata la gestione del servizio, l’avvento del porta a porta fu un passaggio importante per il raggiungimento della riduzione dell’indifferenziato e della crescita della differenziata.

Tra qualche giorno Andria sarà interessata da un altro tassello necessario per il raggiungimento di un obiettivo importante, cioè rifiuti zero.

Infatti, a partire dal 1 luglio, il nuovo gestore procederà con la raccolta dei vecchi mastelli e la distribuzione dei nuovi kit che riporteranno un codice a barre collegato alla singola utenza TARI per il monitoraggio dei dati necessari per l’applicazione della tariffa puntuale che “punirà” chi differenzierà poco.

Certo, i disagi e le polemiche non mancheranno, visto che comunque Andria esce da un’”epoca” in cui l’aumento del tributo è stato inversamente proporzionale alla qualità del servizio, però ora la nostra città ha bisogno di quello scatto di reni per raggiungere grandi obiettivi sia in termini ambientali che economici.

Oltre al nuovo servizio, bisognerà costruire un nuovo senso di responsabilità comune che, a prescindere dall’amministratore e dal gestore di turno, serva per far crescere una coscienza maggiore verso il futuro e il rispetto del nostro pianeta, perché non è più il tempo di delegare o lamentarsi, ma è arrivato il momento di agire differenziando il più possibile e archiviando quelle vecchie brutte pratiche dell’abbandono dei rifiuti nelle campagne che, sicuramente, non potrà essere risolto con qualche fototrappola in più.

Ognuno di noi avrà un grande compito e rappresenterà un ingranaggio necessario per l’obiettivo comune della crescita della raccolta differenziata e di tutta la comunità.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Pertoso Giuseppe ha scritto il 28 giugno 2022 alle 04:02 :

    Non vedo come potrebbe avvenire il cambiamento visto che a due giorni dall'insediamento della nuova azienda non abbiamo ricevuto il neccessario per la raccolta e i dipendenti che ne faranno parte brancolano nel buio, quindi si parte male Rispondi a Pertoso Giuseppe

    Caterina Larovere ha scritto il 30 giugno 2022 alle 07:49 :

    concordo, oggi 30/6/22 non si sa ancora nulla! per domani che si fa? Nella mia zona oggi era previsto il ritiro della carta e hanno lasciato la busta qualche metro più distante dal mio portone....per domani 01/07/22 sarebbe previsto umido e secco residuo, come mi regolo? Rispondi a Caterina Larovere

  • A. B. ha scritto il 27 giugno 2022 alle 21:04 :

    Allora non si è capito che bisogna punire i trasgressori? Con qualche videocamera in più, (tante ce ne sono già) potete pagare dei servizi aggiuntivi di pulizia delle stade... Non è possibile continuare a torturare chi è ligio al dovere e guardandosi intorno vede uno scempio... Imploriamo giustizia anche per dare un esempio di legalità alle generazioni future. VOGLIAMO CIVILTÀ MA ANCHE LEGALITÀ! ITALIANI, COSA DICONO DI NOI I TANTI TURISTI? Rispondi a A. B.

  • Andrea Petruzzelli ha scritto il 27 giugno 2022 alle 16:20 :

    Siete ridicoli, vi aspettate che faccia tutto il cittadino il proprio dovere e ascolti. Ma voi invece che fate per lui. Rispondi a Andrea Petruzzelli

  • Vitolano angelo ha scritto il 27 giugno 2022 alle 15:45 :

    CONDIVIDO CON I COMMENTI FATTI, PERO BISOGNA DIRE CHE E ORA DI DIRE BASTA A QUESTE DISCARICHE A CIELO APERTO TRA CAMPAGNE ED ECC, PERCHE BISOGNA PORTARE RISPETTO PER LA NATURA E PER IL NOSTRO FUTURO DEI FIGLI. SE CI SPOSTIAMO A CORATO LI SONO AVANTI DI 30 ANNI COME MENTALITA E PULIZIA NON PUOI NEANCHE SPUTARE A TERRA, E ORA DI ESSERE TUTTI UN PO PIU CIVILI DA PRIMIS ME SENZA OFFENDERE A NESSUNO E PORTARE RISPETTO PER CHI OGNI MATTINA RACCOGLIE INMONDIZZIA PER LA CITTA (OPERATORI ECOLOGICI) Rispondi a Vitolano angelo

  • Donato 78 ha scritto il 27 giugno 2022 alle 14:58 :

    ...ma a conferimento di rifiuti indifferenziati minimi, i costi restano tali con servizi di pulizia fatiscenti tranne nelle strade dove abitano personaggi politici andriesi. La mia domanda : ma chi è il responsabile del lavoro svolto male da chi detiene "il posto fisso?" Rispondi a Donato 78

  • Leonardo Matera ha scritto il 27 giugno 2022 alle 13:33 :

    La riduzione della Tari non è connessa alla raccolta differenziata, ad eccezione di quei Comuni in cui è possibile determinare la quantità di residuo ( o secco) prodotto da ogni nucleo familiare, come avviene , ad esempio a Trento. Il chip si prefigge appunto questo: calcolare l’indifferenziato prodotto da ogni famiglia e , in base a questo, aumentare o diminuire la tassa rispetto agli altri nuclei. Questo perché è proprio il residuo ad avere un costo di smaltimento oltrechè ambientale: più un Comune ne produce più aumentano i costi per il suo smaltimento nelle discariche. Raccogliere il secco 1 volta la settimana in appositi contenitori dotati di chip , spingerà la gente a differenziare meglio, escluso gli incivili che non si differenziano invece dal residuo che gettano per strada. Rispondi a Leonardo Matera

  • Giovanni alicino ha scritto il 27 giugno 2022 alle 11:36 :

    E chi non ha i mastelli condominiali ne vogliamo parlare? D'estate è bruttissimo tenersi in casa i rifiuti,non è igienico questa è una problematica da risolvere ..almeno l umido propongo che passi tutti i giorni o qualche volta in più Rispondi a Giovanni alicino

  • donato lacedonio ha scritto il 27 giugno 2022 alle 09:27 :

    da cittadino posso solo dire che il politichese e i proclami propagandistici di tutte le amministrazioni , hanno indotto i cittadini ad avere unasfiducia totale e giustificata verso le istituzioni. dove è finitala riduzione della tassa sui rifiuti che sarebbe stata propagandata come naturale conseguenza della raccolta differenziata? io ho visto SOLO costanti aumenti...sirichiede sempre il primo passo ai cittadini...ma non sarebbe forse giunta l ora che il primo passo concreto lo faccia la PA? Rispondi a donato lacedonio

    sabino cannone ha scritto il 18 luglio 2022 alle 12:47 :

    Per rispondere alla tua domanda, vorrei ricordarti una citazione di Erasmo da Rotterdam di fine '400 nella satira di "Elogio della follia". ".. tra i sapienti i peggiori sono i giuristi per la complessità cion cui scrivono le leggi. Il loro potere sta proprio in questo..solo loro le conoscono..". Ergo buona parte dei sindaci e funzionari della PP.AA sono laureati in legge ovvero dottori giuristi!! Se veramente fossero applicate le norme(controlli,sanzioni e premialità) contenunte nel codice dell'ambiente (oltre 16 direttive, regolamenti e delibere del consiglio UE) e delle leggi regionali, forse un bel pò di amministratori dovrebbero riaspondere in qualche tribunale. Rispondi a sabino cannone

  • pippo ha scritto il 27 giugno 2022 alle 09:19 :

    non ho sentito parlare di netturbini di quartiere che ramazzano le strade rimediando al lavoro fatto male dalle macchine , mi auguro che chi ha stipulato il contratto abbia inserito tale modalità di lavoro come d'altronde già sono presenti in altre città limitrofe vedi Trani e Barletta dove c'è del personale che appunto si occupa si spazzare le strade. Mi chiedevo perchè non si obbligano alcuni esercenti tipo bar pizzeria ristoranti di creare degli spazi in legno dove conferire i bidoni della loro spazzatura e quindi avere una città più decorosa nò come adesso che trovi questi bidoni sui marciapiedi sporchi e puzzolenti non è un bel vedere. Rispondi a pippo

    Anna Maria ha scritto il 27 giugno 2022 alle 15:33 :

    Altre spese per i commercianti dove molto spesso il rifiuto non viene ritirato e che molta gente provvede a smaltire i rifiuti di casa ed altro.Tutti gli abusivi nei garage o carretti dove smaltiscono? Rispondi a Anna Maria

  • Antonio di Giovanni ha scritto il 27 giugno 2022 alle 09:04 :

    Ma vi siete chiesti perché non vuole fare più nessuno la differenziata perché avevate detto che pagavamo meno la tassa ma e stata aumentata del200% Rispondi a Antonio di Giovanni

  • Alessandro Rendine ha scritto il 27 giugno 2022 alle 05:02 :

    A quattro giorni dall'inizio della nuova gestione, non è stato ancora comunicato, però, il giorno della settimana riservato al ritiro dell'indifferenziato (o secco) per le utenze domestiche, fin qui previsto per due giorni a settimana. Rispondi a Alessandro Rendine

    Marco Pomarico ha scritto il 27 giugno 2022 alle 13:34 :

    Il passo che si chiede ai cittadini è pagare tantissimo per un servizio che ti obbliga a tenere una casa piena di rifiuti. povere campagne… Rispondi a Marco Pomarico