Il fatto

Sprofonda ancora di più via Mozart, cede nuovamente l'asfalto

Gli operatori della Multiservice sono tornati per cercare di tamponare una situazione che ormai necessita di un intervento ben più strutturale

Cronaca
Andria martedì 14 maggio 2019
di La Redazione
Sprofonda ancora di più via Mozart, cede nuovamente l'asfalto
Sprofonda ancora di più via Mozart, cede nuovamente l'asfalto © AndriaLive

Si allarga la voragine, riempita più volte ormai, in via Mozart all'altezza dell'incrocio con via De Ceglie: questa mattina infatti gli operatori della Multiservice sono tornati per cercare di tamponare una situazione che evidentemente necessita di un intervento ben più strutturale.

L'apertura è la prosecuzione della voragine già presente di cui avevamo dato notizia solo poche settimane fa.

Sotto la strada, a causa delle piogge abbondanti di queste ultime ore, avrebbe ceduto di nuovo un tratto di rete fognaria con conseguente cedimento di una porzione dell'asfalto.

La prima voragine, su via Mozart si aprì lo scorso 9 aprile (una buca di circa 1,5 metri di diametro); il 16 aprile poi un nuovo cedimento sempre sulla stessa via a pochi metri di distanza. Oggi, precipita nuovamente la situazione in via Mozart con l'allargamento della voragine. Si attende ora l'arrivo di tecnici della Multiservice per valutare gli interventi da farsi.

Sul posto gli agenti del Nucleo di Pronto intervento della Polizia Locale stanno deviando il traffico verso le strade adiacenti.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Nico Agresti ha scritto il 14 maggio 2019 alle 20:01 :

    Andria ormai sembra Baghdad... Le strade di quasi tutta la città sono"bombardate"! Che VERGOGNA!!! Rispondi a Nico Agresti

  • Giovanni Alicino ha scritto il 14 maggio 2019 alle 11:16 :

    Questo né deriva da lavori a suo tempo non eseguiti a regola di arte e non verificati da esperti tecnici del Comune di Andria. Rispondi a Giovanni Alicino

  • aldo ha scritto il 14 maggio 2019 alle 10:58 :

    chi aspettiamo a risolvere definitivamente la problematica definivamente e non a soluzioni tampone. Rispondi a aldo